Da sx Anna, Bea e Giorgia