Osprey presenta i nuovi zaini 2022

Osprey gilet Dyna - www.runningpost.it

Presentati i nuovi prodotti della Primavera 2022 di Osprey, azienda nata in California nel 1974, e conosciuta in tutto il mondo per la cura e l’attenzione con cui creano gli zaini per l’attività outdoor.

Personalmente non ho mai provato i loro prodotti e l’occasione è arrivata grazie al gilet per il trail-running che vedete nella foto.

Ma sono diversi gli zaini che ho potuto conoscere in occasione della presentazione, e ve ne voglio presentare qualcuno.

 

zaino-gilet Dyna by Osprey - www.runningpost.it

Lo zaino gilet Duro & Dyna, per le nostre corse in montagna o su strada, per avere telefono, e tutto l’occorrente a portata di mano, senza appesantirsi e lasciando le braccia libere di muoversi

 

LE LINEE CHE MI HANNO COLPITO DI PIù

Atmos & Aura, per il backpacking, dotato delle tecnologia senza cuciture AntiGravity e con un’imbracatura migliorata che permette di essere regolata molto facilmente.

Exos & Eja, per l’escursionismo di lunga distanza; ultraleggeri e pensati per le avventure di più giorni.

E poi c’è la linea che amo di più: Duro & Dyna. La linea per il running.

Questo zaino -gilet va bene per le nostre corse in montagna, in campagna, in spiaggia; è molto pratico e leggero. Ha due cinghie regolabili, una grande tasca per un sicuro accesso rapido del telefono, ha gli attacchi per i bastonicini, degli elementi catarigrangenti per garantirci la visibilità anche di sera, e dei punti di attacco per luci LED.

 

ZAINI LONGEVI, RIGENERATI, E ATTENZIONE AI MATERIALI

Un particolare poi da non trascurare è che l’azienda, sin dagli esordi, cerca di produrre zaini longevi, di alta qualità, fatti per durare nel tempo, e ogni qualvolta è possibile vengono riparati e rimessi in libertà per continuare a vivere sulle spalle dei loro proprietari. E con SecondLife si rimettono a nuovo gli zaini di seconda mano e si affidano a nuovi avventurieri.

Ma oltre a cercare di garantire lunga vita agli zaini, Osprey crea anche zaini in materiali completamente riciclati derivati da rifiuti postconsumo e postproduzione. Ciò significa che, dopo un’accurata selezione, tutti i rifiuti, dalle bottiglie di plastica fino agli scarti di plastiche di produzione, sono attentamente lavorati e tessuti per realizzare materiali estremamente durevoli di alta qualità. Così anche il rivestimento degli zaini, nel tempo diventerà meno impattante, grazie alla messa al bando del PFC.

Mi ha colpito questa attenzione alla sostenibilità, che non è mai abbastanza, perché per continuare a godere della bellezza del mondo dobbiamo cercare, tutti, di fare la nostra parte.

Bene, ora che vi ho parlato di Osprey e della sua nuova linea, non mi resta che andare a correre indossando il gilet Dyna e vedere come si comporta 😉

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *