La tua domenica di corsa? Half Marathon Firenze per me

Ho corso la Half Marathon Firenze Vivicittà.

È successo così, all’improvviso, grazie alla partita Fiorentina –Spal. Tommy, mio marito, è andato allo stadio e la sottoscritta è scivolata di buon’ora nel cuore della città per macinare chilometri.

SVEGLIA ALLE 6.30 E COLAZIONE A MISURA DI RUNNER

Ho dormito bene e mi sono svegliata con sensazioni positive. Merito forse della cena (la sera prima) a base di piatti semplici e toscani: bruschette al pomodoro, zucchine, funghi e ribollita (un piatto contadino con pane raffermo e verdure).

Mi sono svegliata alle 6.30, ho fatto colazione: un bicchiere di acqua tiepida con mezzo limone spremuto, un caffè lungo, due fette di pane integrale tostate (ma pane fresco, non quello da toast), miele, mezzo kiwi, e qualche gheriglio di noce. Ho mangiato bene e forse qualcosina in più del solito, ma era impossibile resistere alla distesa di cose buone e pronte per essere gustate senza fatica. Ho però optato per cibi digeribili che abitualmente consumo. Ricordate sempre di non testare prodotti o bevande nuove, mai provate prima di una gara o di un allenamento. Le conseguenze potrebbero essere pesanti e imprevedibili…

 

FIRENZE HALF MARATHON 2018 - FOTO RUNNING POST

Eccomi impegnata nella 8 km abbinata alla Firenze Half Marathon

 

SANTINA, L’AMICA PACER, CHE HA CORSO 63 MARATONE

Alle 8 in punto trovo Santina nella hall dell’albergo, sorridente e pronta ad affrontare gli 8 km abbinati alla mezza maratona.

Siamo diventate amiche in occasione della Maratona di Roma 2016, lei faceva il pacer delle 4 ore e insieme abbiamo corso i primi 21 km, poi io ho avuto una crisi e ci siamo perse di vista, però poi ci siamo ritrovate.

L’avevo lasciata a quota 50 maratone; da allora ne ha corse altre 13 e domenica prossima a Cracovia correrà la numero 64.

È una forza della natura e non si ferma mai, non un acciacco nonostante i tanti chilometri; ci voleva un tacco alto a fermarla lo scorso anno facendola scivolare e rompere il quarto metatarso. Ma ora è in grande forma!

 

Eccomi in Piazza Santa Croce (Firenze) con Santina

Eccomi in Piazza Santa Croce (Firenze) con Santina

 

PARTENZA: SANTA CROCE, LUNGARNO E TANTA BELLEZZA

Ci siamo quasi, anzi no, si parte. Ci troviamo in piazza Santa Croce, una delle principali piazze del centro storico di Firenze, dominata dall’omonima basilica dove riposano alcuni illustri personaggi come Micheleangelo, Galieo, Foscolo e Machiavelli.

Conosco bene Firenze, ma non mi abituo mai alla sua bellezza e poterla vivere di corsa è davvero un sogno.

 

firenze half marathon - foto runningpost

 

I chilometri passano senza che me accorga: facciamo il Lungarno, Piazza della Signoria, Piazza Duomo, Piazza della Repubblica, Via degli Strozzi e tanti altri luoghi e viuzze stupende, e tra la bellezza dei monumenti e le chiacchiere di Santina non vedo la deviazione degli 8 km e vado avanti con i runners della mezza maratona. Il gps segna quasi 9 km. Abbiamo sbagliato strada?!? Sembra proprio di sì, e mentre ci guardiamo attorno sentiamo la sirena della polizia avvicinarsi. Arriva il primo uomo, quello della mezza ovviamente, è il keniano Paul Tiongik (G.P. Parco Alpi Apuane) che taglia il traguardo con il tempo di 1:04:37.

 

FIRENZE HALF MARATHON - FOTO RUNNING POST

 

Nel frattempo la mia compagna di corse prende in mano la situazione e magicamente, dopo una decina di minuti, ci ritroviamo nuovamente in Piazza Santa Croce. 11 km abbondanti per noi!

Un buon allenamento, non c’è che dire, e soprattutto il mio ginocchio non si è fatto sentire.

Torno in hotel, felice, piena di endorfine sognando di correre la 21 km, sempre a Firenze naturalmente e sempre in compagnia di Santina.

 

FIRENZE HALF MARATHON - FOTO RUNNING POST

 

E ora sono finalmente da te. Com’è andata la tua domenica di corsa?!? Hai gareggiato o hai fatto un “lungo”?

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Running Post