Ecco a voi “Riflessi di corsa”

Riflessi di corsa - www.runningpost.it

Ho letto “Riflessi di corsa. Pensieri sparsi prima e dopo la corsa. Di vita di corsa”, una raccolta di articoli legati al mondo della corsa di Riccardo Mares, sportivo da sempre, e runner convinto dal 2013.

134 pagine che scorrono via veloci,  ma che potrete assaporare anche a poco a poco, perché ogni pezzo è a se stante.

Mi ha colpito tantissimo la chiacchierata con Francesco Ferrucci, ovvero colui che ha tradotto il libro “Correre o morire” di Kilian Jornet. Leggiamo libri che ci fanno entrare nel personaggio, che ci fanno vivere la fatica, la gioia, che ci trasportano talmente tanto in un altro mondo che non vorremmo più abbandonarlo. Ma non pensiamo mai a chi ci ha permesso di godere della fantastica lettura.

Per tradurre libri così, che doti deve avere il traduttore? Deve correre anche lui? Sì Francesco è un runner che ha all’attivo ben 63 maratone su strada, più diversi trail e ultramaratone. Del resto se non fosse un runner probabilmente non potrebbe tradurre così bene un campionissimo di ultratrail e skyrunning, non a caso Vivalda Editore (a suo tempo), prima di affidargli il lavoro, oltre alla prova di traduzione, gli chiese anche le referenze sportive.

Bello, bello, questo racconto-intervista a due voci che dà importanza a chi sta sempre nell’ombra.

Sono tanti gli argomenti affrontati, mi è piaciuto quello sulla corsa al mattino. Personalmente correrei sempre e solo al sorgere del sole, ma non sempre ci riesco, quando posso però poi mi sento in pace con il pianeta per tutto il giorno. E Riccardo, anche lui un #albarunner, dedica sei pagine alla corsa mattutina rispondendo ad alcune domande: “è necessario mangiare prima o si può fare attività? Quali i benefici nell’allenamento mattutino? Il parere della scienza…”. Insomma tante le domande a cui l’autore risponde senza troppi fronzoli.

Un altro spunto interessante, che potrete decidere di approfondire ulteriormente (c’è una vasta letteratura al riguardo), è il pezzo in cui l’autore parla di epigenetica. Vi è mai capitato che qualcuno vi dicesse: ” Per te è facile, tuo papà ti ha sempre trascinato nelle sue imprese sportive”. A me viene detto spessissimo, perché sia io che mia sorella, ogni giorno ci muoviamo ed è tutto merito di papà Fabio, innamorato della corsa vero, da sempre. Fa parte di noi il movimento, è per entrambe la cosa più normale che ci sia, è un po’ come lavarsi i denti dopo avere mangiato. E allora che ci sia qualcosa di “epigenetico”?!?

Un libro che parla del fantastico mondo della corsa, con leggerezza, e semplicità (badate che è difficilissimo comunicare in modo diretto e chiaro senza “sbrodolare”) e con quel tono amichevole che solo il runner può avere. Quel runner che potete incontrare allo start della maratona di New York e con un sorriso vi chiederà “Corriamo insieme”?

L’autore, Riccardo Mares, è di Rovigo, è papà di due bimbi, e su Instagram lo trovate come @merlinox. “Riflessi di corsa” è un’autoedizione e lo potete acquistare su Amazon.

Fatemi sapere che cosa ne pensate, se vi ha incuriosito questa raccolta di articoli, oppure se volete sapere qualcosa di più sull’autore.  Girerò le vostre domande a Riccardo che sarà felice di rispondervi.

Potete commentare qui o mandarmi un DM su Instagram @running.post

Buona lettura!