Ho corso la We Run Rome

L’ultimo giorno dell’anno ho corso la We Run Rome, 10 km nel cuore di Roma, per chiudere il 2019 come piace a me: di corsa!!!

Ma quanti eravamo?!? Tanti! Oltre 10 mila runners. E’ la seconda volta che partecipo a questo evento, e ogni anno  cresce nei numeri.

 

Che dire di questa corsa che attraversa il più grande museo all’aperto del mondo?!? Un sogno, durato per me circa un’ora, visto che a causa di una tendinopatia al gluteo non posso spingere granché.

Per diversi km ho corso con Chiara e altri pacer che mantenevano un ritmo di 6 minuti al chilometro.

Un’andatura perfetta per assaporare ogni scorcio e ogni chilometro della Capitale.

Eccomi allo Stadio delle Terme di Caracalla poco prima della partenza, in compagnia di Chiara Fierimonte, pacer dei 6′ al km

 

Start alle  ore 14 dallo Stadio delle Terme di Caracalla, con migliaia di runners a invadere le vie delle città transitando accanto ad alcuni luoghi simbolo: Circo Massimo, piazza Venezia, via del Corso, piazza di Spagna, piazza del Popolo, la tanto temuta salita del Pincio che ci ha portati a villa Borghese, via Veneto, via dei Fori Imperiali, e alla fine ecco una delle Sette meraviglie della Terra: il Colosseo.

Meno male che il vento freddo ieri ha smesso di soffiare, così che ho potuto correre in maglietta e pantaloncini, riscaldata da un sole caldo e limpido.

Grazie Roma, sei così bella!  E grazie a chi mi ha accompagnato per qualche km di corsa (Chiara, Laura e tutti i pacer dei 6′ al km), a chi ho incontrato inaspettatamente allo start (ciao Giovanni!), e anche a chi avrei voluto incontrare ( sorry Pietro, sorry Anto), a chi lavorava (Max!), e a chi da casa ha fatto il tifo per me (Diego, Anna, Deborah, Eleonora, Giusy, Davide e scusate se ho dimenticato qualcuno). La prossima volta spero di avervi tutti al mio fianco 🙂

E grazie ad Atleticom, che ha saputo organizzare questo splendido evento!

 

La salita del Pincio

 

 

Per la cronaca, la gara maschile è stata vinta dall’etiope Milkesa Menghesha con il tempo di 28:50, seguito dal dall’azzurro Daniele Meucci, 29:44. Tra le donne ha dominato la turca Yasemine Can, con il tempo di 32:17.

 

Fotografie di Tommaso Gallini