Le 10 mezze maratone più belle del pianeta

Viaggiare e correre? Beh non perdetevi queste corse, o meglio le 10 mezze maratone più belle del mondo. Almeno per me. Le ho testate e ne sono rimasta colpita, vuoi per la location, vuoi per l’organizzazione e l’affetto che la gente ha dimostrato lungo il percorso. Ho scelto i 21 km perché rappresentano la distanza ideale; possiamo correre diverse “semi” in un anno senza acciacchi (o quasi), recuperando abbastanza in fretta lo sforzo.

Eccole qui:

  • Sydney, Blackmores Half Marathon. Già, avete capito bene, al primo posto c’è questa mezza australiana. Si parte all’alba, alle 6 del mattino, sull’Harbour Bridge, il maestoso ponte che domina la baia, e si arriva niente meno che ai piedi dell’Opera House, il magnifico teatro a vele spiegate. Si corre nel cuore della città, passando per i punti più suggestivi come The Rock e il Royal Botanic Garden. Il percorso non è piatto ma presenta dei falsipiani che, vi assicuro, si faranno sentire sulle gambe. In programma il 18 settembre 2016.

 

  • Miami, Marathon and half marathon. Anche qui si parte all’alba; dal cuore della città scintillante ci si spinge fino alla famosa Ocean Drive con gli edifici art decò che guardano il mare. Una corsa molto partecipata che conta circa 25 mila runners. Start con il buio e arrivo con il sole. Da non perdere, tra l’altro in gennaio la temperatura è perfetta. Quando ho io corso c’erano una ventina di gradi! 24 gennaio 2016.

 

  • Marrakech, Marathon et Semi Marathon International de Marrakech. Questa è una mezza maratona davvero per tutti: lineare, piatta, e non caotica (circa 6.500 partecipanti). Il percorso vede palmeti, uliveti, giardini e i bastioni rossi delle mura. In gennaio la città ha un clima ideale per correre, circa 16-18 gradi. 31 gennaio 2016.

 

  • Pisa, mezza maratona. 21 km che volano. Si parte in Piazza dei Miracoli, ci si spinge sui lungarni, quindi in campagna e si ritorna con il naso rivolto all’insù perché si taglia il traguardo ai piedi della Torre pendente. Una corsa che vi lascerà senza fiato. Dimenticavo, è totalmente piatta e quindi potrete, se vorrete, tirare un po’ e tentare il vostro personal best. 20 dicembre 2015.

 

  • Windsor, The Windsor Half Marathon. Alle porte di Londra. Per una volta il parco reale della Regina Elisabetta II è tutto per noi runners. Avete capito bene, lo spazio verde di fronte all’antico Castello per una mattina è di chi corre. Da un lato c’è il possente maniero, dall’altro il verde e gli animali. Gara ondulata con diversi falsipiani, per gambe allenate. 25 settembre 2016.

 

  • Gerusalemme, Jerusalmen Half Marathon (abbinata alla maratona e alla 10 km). Una corsa impegnativa (ci sono diversi su e giù) ma davvero suggestiva e ricca di storia. 18 marzo 2016.

 

  • Melbourne, Connor’s Run. In realtà non si tratta di una mezza maratona, ma di una gara di 18.8 km, dunque un po’ più corta, ed è una competizione con uno scopo benefico (raccoglie fondi per la ricerca). L’ho inserita nella top ten perché come distanza ci siamo (quasi) e poi perché è bellissima. Si parte da Sandringham, località marina distante una ventina di km da Melbourne, e si arriva sulle sponde dello Yarra River. Totalmente piatta, si corre per tutto il tempo lungo l’Oceano, guardando lo skyline di Melbourne. In programma la seconda domenica di settembre.

 

  • L’Avana, Havana Half Marathon. Correre in questa città caraibica (la capitale di Cuba), ha un fascino incredibile. Non c’è molto da dire, sennonché qui troverete mare cristallino, storia, musica e tradizioni. 15 novembre 2015.

 

  • Verona, Giulietta & Romeo Half Marathon. L’ho corsa due anni fa insieme agli amici Maurizio ed Emilia e mi è piaciuta un sacco. Si parte fuori la città e si arriva niente meno che all’interno dell’Arena. Avete capito bene, dove si tengono le opere liriche e i concerti. Si chiama Giulietta e Romeo e non a caso si corre proprio il 14 febbraio 2016, il giorno degli innamorati.

 

  • New York, NYC Half. Si svolge tutta a Manhattan (a differenza della maratona che parte da Staten Island e arriva a Central Park). Cogliere la “città che non dorme mai” in movimento è tutta un’altra cosa, vedrete scorci che difficilmente andando per turismo cogliereste. 20 marzo 2016.

 

6 Comments

  • Andrea ha detto:

    Grazie mille per la segnalazione della nostra mezzamaratona a Pisa. Siamo di parte e per chi vuol conoscere bene la città, riteniamo sia stato colto il segno. Per noi, però, il vero valore aggiunto resta un altro: si può correre in 6 ore e trenta (come il tempo della maratona) e credo che in Italia (non so all’estero) un tempo così ‘ampio’ sia raro da trovare. E’ uno stimolo soprattutto per chi vuol esordire o per chi vuol arrivare tranquillamente, anche camminando. Per tutti i gusti insomma: per i velocissimi e per i lentissimi!

  • Irene Righetti ha detto:

    Grazie per la segnalazione. E complimenti!!! Ottimamente organizzata e bellissimo percorso!

  • Gianni ha detto:

    Concordo su Verona. L’ho fatta e devo dire che è organizzata bene. 8 mila partecipanti almeno più la possibilità di correre una mezza spezzata con la propria compagna. Un modo diverso di festeggiare San Valentino. Segnalo anche la mezza a Stoccolma e Madrid. Entrambe partecipatissime e ben organizzate. La prima si tiene a settembre e la seconda in aprile. Anche Berlino è sulla mia personale top list ma lo stress è tutto nel prendere il pettorale per tempo considerato che è un tracciato velocissimo e vanno davvero a tutta per fare il personale.

  • Irene Righetti ha detto:

    Grazie per le segnalazioni! Preziose!

  • MartinaNYC ha detto:

    La mezza di New York e’ stupenda: l’ ho corsa nel 2014 e la correro’ nuovamentequest’ anno. Correre per Time Square e’ un’ emozione unica!

  • Irene Righetti ha detto:

    Grazie Martina per le tue impressioni!!! Forse ci vedremo quest’anno 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *