La pizza del runner

La pizza fatta con la pasta madre è diversa, è più buona, più croccante ed è particolarmente digeribile!!! Per questo motivo l’ho chiamata la pizza del runner, perché chi corre cerca sempre la leggerezza, e il gusto naturalmente. Certo, è un po’ più laboriosa la preparazione rispetto a quella tradizionale, ma in fondo basta organizzarsi !!!

Il lievito naturale chiamato anche pasta madre o pasta acida, è composto da farina, acqua e un insieme di lieviti e batteri che, a differenza del lievito di birra, è più digeribile e si conserva meglio.

Non essendo “costante” con la pasta madre (un impasto fatto di farina e acqua lasciato acidificare per sviluppare alcuni batteri, ma si può ottenere anche con l’aggiunta di yogurt o miele…), quando mi serve la prendo in un negozietto che vende solo alimenti biologici e locali. Una volta che è con voi (la pasta madre), se lo vorrete, potrà durarvi all’infinito, basta che ne abbiate cura facendo dei rinfreschi di acqua e farina. Ecco, è qui che mi manca la pazienza…

Ingredienti

  • 250 gr di farina 0
  • 250 gr di farina integrale
  • 150 gr di pasta madre
  • ½ cucchiaino di sale
  • 1 dito di olio d’oliva extravergine
  • acqua

 

Procediamo…

Facciamo sciogliere la pasta madre, quindi aggiungiamo dell’acqua quanto basta, la farina, l’olio e il sale. Impastiamo fino a ottenere una palla che copriremo con un telo e lasceremo riposare (per circa 4 ore) in un luogo tiepido (ad esempio vicino al termosifone). L’impasto dovrà raddoppiare di volume.

A questo punto facciamo una o due teglie di pizza (dipende se vi piace più o meno sottile), poi stendiamo e lasciamo nuovamente riposare per almeno un altro paio d’ore.

Siete pronti per farcire a piacere la pizza. A me piace  con il pomodoro, la mozzarella e i carciofi. Informate per 20 minuti.

Running tip: più tempo farete riposare l’impasto ottenuto e più digeribile sarà la vostra pizza, quindi non affrettate i tempi. Incredibile, dopo una o due fette non vi sentirete affatto gonfi!

Se rifate la ricetta e volete mostrami il risultato, menzionatemi e taggatela con #runningpostfood così potrò trovarla e condividerla.

Foto by Tommaso Gallini