I cibi autunnali della salute

Anche quest’anno è arrivato l’autunno, e insieme alle foglie cadono anche le nostre energie. Ma la natura viene a soccorrerci con alimenti gustosi e nutrienti, che possono sostenerci sia nella routine quotidiana che nello sport.

Brassicacee. Meglio conosciuti come cavoli, verze e broccoli, le verdure di questa famiglia sono ricchissime di vitamina C e antiossidanti per potenziare il sistema immunitario e permetterci di correre all’aperto anche durante i periodi dell’anno più umidi e freddi. Contengono inoltre i glucosinolati, sostanze specifiche che stanno rivelando una importante azione antitumorale, come il sulforafano e l’indolo-3-carbinolo. Ne sono particolarmente ricchi i broccoli, che hanno conquistato la medaglia di functional food.

Agrumi. Altri alimenti particolarmente ricchi di vitamina C. Buona regola è cominciare la giornata con una spremuta fresca, anche mista (arancia e pompelmo, ad esempio), oppure con un limone spremuto in una tazza di acqua tiepida. Questa seconda opzione, in particolare, permette di alcalinizzare l’organismo e aiutarlo ad eliminare le scorie.

Castagne, cachi e melagrana. Sono frutti tipici dei mesi autunnali, ottimi per chi necessita di energia per lo sport; le castagne pizzicate come snack nell’arco della giornata permettono di accumulare energia a lento rilascio, mentre i cachi, consumati prima dell’attività fisica, forniscono acqua, vitamine, antiossidanti e zuccheri. La melagrana è ricchissima di polifenoli, vitamina C e vitamine del gruppo B che aiutano a convertire il cibo in energia; grazie al notevole effetto antiossidante, è considerata un vero e proprio elisir.

Pere. Se col cambio di stagione l’intestino rallenta, è bene prendere in considerazione le pere. All’effetto lassativo si aggiunge la presenza di calcio, magnesio e potassio, utili per la contrazione muscolare. Il tutto in pochissime calorie!

Funghi. Ottimi per la presenza di potassio, aiutano a ristabilire il tono dell’umore che con la diminuzione delle ore di luce tende ad abbassarsi. Diverse specie sono allo studio per le proprietà chelanti: sembra infatti che possano disintossicare l’organismo da metaboliti, metalli pesanti, tracce di inquinanti alimentari e non, svolgendo un’azione preventiva non trascurabile. Si sta dunque sviluppando una specifica branca di ricerca, sulle orme della medicina cinese che fa ampio impiego terapeutico dei funghi, denominata micoterapia.

Noci. Fonte di omega3, proteine vegetali e con un buon apporto calorico, sono un ottimo spuntino per chi pratica sport. Contengono inoltre vitamine del gruppo B, particolarmente utili in caso di stanchezza e nervosismo.

Uva. Ricca di energia grazie alla presenza di zuccheri, di acqua e di antiossidanti (polifenoli, flavonoidi e antocianine); il più noto è probabilmente il resveratrolo. Ottima da consumare a colazione e merenda, è anche la protagonista della ampeloterapia, meglio conosciuta come dieta dell’uva.

Zucca. Dall’effetto lassativo, questa dolce protagonista di tante ricette della nostra tradizione è una vera miniera di antiossidanti e minerali. Dai suoi semi si estrae inoltre un prezioso olio ricco di zinco.

by Elisa Pampolini, dott. in Scienze Naturali e Naturopata con specializzazione in Alimentazione Naturale. Suo Puravida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *