Frittata di ceci e ortiche

L’avete mai mangiata una frittata di ceci e ortiche, senza uova?

Ho seguito la ricetta proposta da Vegolosi per la base, poi mi sono sbizzarrita con le ortiche che cercavo da tempo e ho trovato questa mattina in campagna.

Un piatto semplice da preparare, ma allo stesso completo e misura di sportivo.

Non mangio carne ma ho studiato delle alternative e ho scoperto che i legumi in generale sono la fonte vegetale più proteica in natura. I ceci ad esempio contengono 19 gr per 100 grammi di proteine (per fare un paragone il parmigiano ne ha 33 gr ogni 100 gr di prodotto). Direi che non è male.

Per quanto riguarda l’ortica, è una pianta che ho sempre odiato perché è urticante e se ci finisci in mezzo, come è successo  a me lo scorso anno durante il Trail del Salto del Cervo, è terribile. Ma se decidi di mangiarla ti fai del bene perché è ricca di acido folico e ferro, in più è una pianta spontanea che cresce un po’ ovunque ed è a km zero (certo bisogna raccoglierla dove non c’è inquinamento).

E allora proviamolo in questa frittata di ceci al forno.

Ingredienti

  • 200 g di farina di ceci
  • 200 g di acqua
  • 180 g di latte di soya
  • 50 g di acquafaba di ceci (l’acqua di cottura dei ceci)
  • un cestino pieno di ortiche
  • sale q.b.
  • pepe nere q.b.
  • olio d’oliva per ungere la teglia

 

Procedimento

Mescoliamo la farina con i liquidi e lasciamo riposare un’ora in frigorifero (coprite con della pellicola trasparente).

Nel frattempo puliamo le ortiche, togliendo il gambo e tenendo solo le foglie, quindi facciamole bollire per 10 minuti in acqua salata.

Una volta trascorso il tempo scoliamo le ortiche, aggiungiamo dei cubetti di ghiaccio così da mantenerne il colore verde brillante;  una volta raffreddate strizziamole con le mani. Tranquilli, la peluria se n’è andata!

Poi sminuzziamo il composto con il coltello.

Prendiamo il composto di ceci e aggiungiamo l’acquafaba montata a neve ferma (io ho usato quella dei ceci già pronti in scatola, in vetro), poi le ortiche sminuzzate. Mescoliamo bene.

Ungiamo una teglia tonda del diametro di 24 cm e aggiungiamo il composto.

Cuociamo in forno statico a 200 gradi per 25-30 minuti.

E la frittata-non frittata è pronta! Bontà pura, ve lo assicuro!!!

Spero che la mia ricetta ti sia piaciuta, se la rifai e vuoi che la condivida sul mio account di Instagram @running.post

aggiungi il tag #runningpostfood e @running.post così ti trovo 🙂

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Running Post