100 donne per 100 km del Passatore

BROOKS RUN HAPPY TEAM - www.runningpost .it by Irene Righetti

Correranno di giorno e di notte, non stop… Sono 100 donne per 100 km del Passatore!!!

Il progetto si chiama 100×100 ed è stato ideato da Mariella Di Leo con il supporto di Brooks, che vede schierate100 donne pronte a correre la 100 km del Passatore, senza il supporto di alcun mezzo al seguito, facendo affidamento unicamente su sé stesse.

Un team tutto femminile proveniente dall’Italia intera, dal Friuli alla Puglia, fino alla Sicilia, con età differenti che vanno dai 30 ai 70 anni.

A parlarmi di questa sfida è Santina Gallorini, un’amica, nonché pacer (ha all’attivo ben 75 maratone!).

 

Santina Gallorini - www.runningpost.it

Santina Gallorini durante la Maratona di Roma

«Siamo 100 amiche provenienti da tutte le regioni d’Italia  – mi spiega Santina – e la particolarità è che non abbiamo auto al seguito, una decisione presa perché rispetto alle prima edizioni ora i runners sono oltre tremila e così il percorso risulta piuttosto affollato e noi vogliamo far capire che si può correre anche senza la “scorta”e senza inquinare».

Non è la prima volta che Santina corre il Passatore…

«è la quinta edizione; lo scorso anno sono risultata la prima fiorentina a tagliare il traguardo a Faenza. »

Si può correre senza il seguito anche di notte?

«Ci sono tanti ristori lungo il percorso e tutti i paesi che attraversiamo allestiscono qualcosa per supportarti e rifocillarti, insomma non manca nulla. Io porterò con me solo degli integratori tipo gel. Di notte non mi fermo, il sonno non ti viene perché sei inondata di adrenalina e senti un’energia pazzesca. Non è necessario avere qualcuno che ti allunghi il cambio “d’abito” per la notte, a metà gara trovi il borsone che hai preparato con tutto l’occorrente in caso di bisogno».

Come si presenta il percorso?

«Fino al 48° km si sale, poi discesa fino al 65° km, quindi sali –scendi fino al 90° km, e infine pianura fino a Faenza dove si trova il traguardo».

Hai sempre corso senza aiuto?

«Affatto, la prima volta avevo tutta la famiglia; l’auto era traboccante di cose che poi non ho usato. Questo mi ha fatto capire che si può correre un’ultramaratona facendo affidamento solo sulle proprie forze e abilità organizzative».

Questa è Santina, ma ci sono altre 99 storie da raccontare…

Mariella di Leo - www.runningpost.it

Mariella di Leo, l’ideatrice del progetto 100×100

 

47 a edizione, 3.270 iscritti, 100 km, start da Firenze sabato 25 maggio alle ore 15, arrivo il giorno successivo a Faenza. Di corsa con il sole e le stelle!!!

State sintonizzati!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Running Post